informazione, partecipazione, condivisione

Partnership a quattro per Cosmofarma 2020

EVENTI

Partnership a quattro per Cosmofarma 2020

partnership-cosmofarma-2020

Federfarma, Fofi, Fondazione Cannavò e Utifar unite per Cosmofarma. Obiettivo: accrescere il livello dei contenuti alla base degli eventi in programma. Seguendo il tema portante dell’edizione 2020: la formazione. A colloquio con Roberto Valente, consigliere delegato Bos srl

14 gennaio 2020

di Carlo Buonamico

La nuova squadra di Cosmofarma vede riunite alcune tra le più importanti sigle del mondo della farmacia. Da dove nasce l’idea di questa partnership?
Cosmofarma è sempre stata affiancata dalle sigle istituzionali di riferimento per la farmacia italiana. Recentemente abbiamo convenuto che fosse necessario unire le expertise di Federfarma e Fofi da un lato e di Fondazione Cannavò e Utifar dall’altro, per poter essere più vicini possibile ai farmacisti in questo periodo di profondo mutamento dello scenario e poter offrire al settore di riferimento una manifestazione quanto più completa possibile. Sono stati necessari due anni di lavoro per arrivare a questo accordo, siglato alla fine del 2019, ma ne è valsa la pena: tanti partner di primo livello che collaborano per la crescita del comparto.

In cosa si sostanzia questa partnership?
Cosmofarma ha una duplice natura: espositivo-commerciale e di contenuti. L’offerta di “hot topic” da trattare nei tavoli di confronto tra addetti ai lavori ha sempre rappresentato il fulcro dell’intera manifestazione, insieme al tema portante di ogni edizione – quest’anno la formazione – declinato a livello istituzionale, manageriale e scientifico. La formazione è stata scelta, ancor prima che avessimo certezza di questo accordo, perché mai come in questo momento storico il farmacista ha bisogno di incrementare la sua preparazione per poter fornire un reale valore aggiunto al proprio cliente-paziente. Solo così di può far sì che egli entri con fiducia in farmacia perché sa di poter trovare la professionalità che la Rete non può dare. La presenza attiva di questi quattro partner consente di mettere a disposizione dei visitatori una rete di esperti ancora più prestigiosa rispetto al passato, rafforzando il valore di questa manifestazione.

Quali saranno le novità dell’edizione 2020?
Non posso ancora anticipare nulla. Posso però dire che ci saranno alcuni personaggi molto importanti e noti che interverranno agli incontri e che saranno in grado di attirare l’attenzione in virtù dell’esperienza che potranno condividere con i presenti.

Proverranno dal settore di riferimento o vi sarà contaminazione da altri canali?
Ciò che posso dire ai lettori di iFarma è che saranno tutti spunti molto utili per favorire un pensiero “out of the box” da parte dei farmacisti e degli operatori di settore. Vogliamo continuare a contaminare il comparto farmaceutico con presenze afferenti al settore della moda, della psicologia e del marketing. Tra i vari temi che svilupperemo, uno molto interessante sarà relativo ai comportamenti d’acquisto dei consumatori. A ciò ci affiancherà una conferenza di due giorni sulla nutraceutica e un summit sulla cosmetica. Molte altre chicche bollono in pentola.

Ci dica di più…
Tratteremo l’importanza del coaching per lo sviluppo della leadership, e presenteremo nuove attività che contribuiscono al benessere personale del paziente sia dal punto di vista fisico che psicologico. Per ora non posso espormi oltre. Per altri approfondimenti rimando a breve, quando saranno definiti i nuovi programmi ufficiali della manifestazione.

15 Condivisioni

Altre news

14 Gennaio 2020