“In Reach Africa”: la nuova iniziativa targata Boehringer Ingelheim

EVENTI

“In Reach Africa”: nuova iniziativa per favorire l’accesso alla sanità in Africa targata Boehringer Ingelheim

Boehringer Ingelheim ha lanciato il progetto “In Reach Africa” per supportare il continente africano nell’allargare l’accesso della popolazione a una sanità innovativa e di qualità

2 settembre 2018

di Redazione

Inizierà in Kenya e abbraccerà poi Nigeria, Ghana, Etiopia, Uganda, Mozambico, Tanzania, ambia, Zimbabwe e Ruanda. Si tratta della nuova iniziativa “In Reach Africa” promossa da Boehringer Ingelheim con l’obiettivo di favorire l’accesso a una sanità innovativa e di qualità per la salute umana e animale per le famiglie a basso reddito de continente africano.

 

Il raggiungimento di questo ambizioso traguardo avverrà attraverso la realizzazione di varie attività tra cui la creazione di partnership locali, la sensibilizzazione della popolazione su importanti patologie e sui meccanismi di prevenzione.

Altro scopo di “In Reach Africa” è quello di promuovere la sostenibilità e l’innovazione dei sistemi sanitari africani offrendo farmaci e soluzioni sanitarie accessibili, aumentando la consapevolezza sulle patologie prioritarie, mettendo in atto iniziative di informazione e formazione.

Centrale anche la riduzione delle conseguenze derivanti dall’incidenza delle malattie non trasmissibili, che determinano il 75% della mortalità mondiale e che, in Africa determineranno un aumento della mortalità he nel 2020 è stimata raggiungere quota 3,9 milioni di persone, in crescita di oltre il 20 percento (Africa’s health crisis needs a focus on systems, not people – www.ft.com).

Già da questa estate hanno preso vita diverse iniziative tra cui “Making More Health” Accelerator, un programma che aiuta gli imprenditori sociali in ambito sanitario a sviluppare le dimensioni delle loro attività per migliorare l’accesso alle cure nell’Africa Sub-Sahariana. Fondamentale, per il successo dell’intero programma è l’empowerment dei locali, che possono divenire essi stessi promotori dello sviluppo della sanità del proprio paese.

1 Condivisioni

Altre news

2 Settembre 2018